L.104 e part-time verticale Cassazione Sent 22925/2017

L.104 e part-time verticale Cassazione Sent 22925/2017

Messaggioda gsalurso » 29/11/2017, 15:32

la Corte di Cassazione ha riconosciuto, diritto alla fruizione integrale dei permessi previsti dall'art. 33 L.104/1992 in caso di part-time verticale con prestazione di lavoro settimanale (o mensile) superiore al 50% di quella ordinaria

Corte di Cassazione Sentenza n. 22925/2017

6.12. Il criterio che può ragionevolmente desumersi da tale indicazione è quello di una distribuzione in misura paritaria degli oneri e dei sacrifici connessi all’adozione del rapporto di lavoro part time e, nello specifico, del rapporto part time verticale. In coerenza con tale criterio, valutate le opposte esigenze, appare ragionevole distinguere l’ipotesi in cui la prestazione di lavoro part time sia articolata sulla base di un orario settimanale che comporti una prestazione per un numero di giornate superiore al 50% di quello ordinario, da quello in cui comporti una prestazione per un numero di giornate di lavoro inferiori, o addirittura limitata solo ad alcuni periodi nell’anno e riconoscere, solo nel primo caso, stante la pregnanza degli interessi coinvolti e l’esigenza di effettività di tutela del disabile, il diritto alla integrale fruizione dei permessi in oggetto.
Legge di Good: "Se hai un problema che deve essere risolto da una burocrazia, ti conviene cambiare problema." ;)
Avatar utente
gsalurso
 
Messaggi: 735
Iscritto il: 27/01/2015, 13:26

Re: L.104 e part-time verticale Cassazione Sent 22925/2017

Messaggioda tyla » 18/06/2020, 15:54

Intervengo, seppur a distanza di tempo, per un'ulteriore spunto di riflessione sul tema proposto dal collega gsalurso.

Alla luce della dich. cong. n. 7 contenuta nel ccnl 2018 del comparto FL, l'indicazione sopra riportata andrebbe seguita anche per detto personale.
Tuttavia, ripercorrendo il percorso che ha portato alla sua concretizzazione, si ha l'impressione che si tratti di un orientamento che nasce già obsoleto.

Infatti le sentenze che vertono sull'argomento (22925/2017 e 4069/2018) da cui trae spunto la dichiarazione del ccnl, originano da controversie fondate sull'applicazione dei principi contenuti nel Dlgs n. 61/2000 (previgente Testo Unico sul part time), vigenti all'epoca dei fatti di causa.
Il TU, all'articolo 4, dopo aver sancito al comma 1 il principio di non discriminazione in base al quale il lavoratore a tempo parziale non deve ricevere un trattamento meno favorevole rispetto al lavoratore a tempo pieno, elencava, alla lett. a), i diritti del lavoratore a tempo parziale e, in particolare, stabiliva che dovesse beneficiare della medesima retribuzione oraria, del medesimo periodo di prova e di ferie annuali, della medesima durata del periodo di astensione obbligatoria e facoltativa per maternità, del periodo di conservazione del posto di lavoro a fronte di malattia e dei diritti sindacali, compresi quelli di cui al titolo III della legge n. 300 del 20 maggio 1970.

Alla lett. b), il citato articolo stabiliva che il trattamento del lavoratore a tempo parziale dovesse essere riproporzionato, in ragione della ridotta entità della prestazione lavorativa, in particolare per quanto riguarda l’importo della retribuzione globale e delle singole componenti di essa, l’importo della retribuzione feriale e l’importo dei trattamenti economici per malattia, infortunio sul lavoro, malattia professionale e maternità

Da ciò, distinguendo fra:
a) istituti che hanno una connotazione patrimoniale in stretta corrispettività con la durata della prestazione lavorativa, rispetto ai quali e' stato ammesso il riproporzionamento del trattamento del lavoratore,
b) istituti a connotazione non strettamente patrimoniale, che si è inteso salvaguardare da qualsiasi riduzione

derivavano le conclusioni della Corte, consistenti nel considerare non riducibili i permessi per alcune tipologie di p.time, stante che le previsioni normative non disponevano espressamente in tal senso.

****************

Nel frattempo (e in costanza dello svolgimento delle predette controversie) è stato introdotto il D.lgs. n. 81/2015 (Jobs Act) che, oltre ad abrogare il dlgs 61/2000, nel ridisegnare la disciplina del rapporto di lavoro a tempo parziale, ha ribadito il principio di non discriminazione tra lavoratori a tempo pieno e lavoratori a tempo parziale prevedendo, per la generalità degli istituti facenti capo ai lavoratori dipendenti, che “il lavoratore a tempo parziale ha i medesimi diritti di un lavoratore a tempo pieno comparabile ed il suo trattamento economico e normativo è riproporzionato in ragione della ridotta entità della prestazione lavorativa” (art. 7).

Come vediamo, la normativa evolve dalla distinzione evidenziata dagli orientamenti giurisprudenziali ponendo su di un unico piano gli aspetti che - ad oggi - dovrebbero essere oggetto di differenziazioni (economiche e normative) rispetto al personale a tempo pieno.

Il ccnl 2018, pur prendendo atto delle previsioni del Jobs Act nel corpo normativo, con la dichiarazione congiunta n. 7 sembra andare oltre.

Va osservato anche che l'INPS, direi parte lesa nelle suddette sentenze semplicemente perchè le proprie linee non sono state minimamente prese in considerazione dai giudici (appello Inps inammissibile per difetto di interesse) non sembra farsene cruccio, visto che nelle proprie indicazioni (v. mess. n. 3114/2018) non solo non fa menzione di questi orientamenti, ma continua a confermare quelle precedenti.
tyla
 
Messaggi: 118
Iscritto il: 07/01/2015, 11:01


Torna a Personale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 8 ospiti

Paolo Gros

Funzionario di un ente comunale. Tra gli ideatori e gestori del blog “Gli enti locali – Paolo Gros, Lucio Guerra e Marco Lombardi on web”.  Scarica CV >

Lucio Guerra

Responsabile Servizi Associati di una Unione Montana di Comuni. Tra i gestori e moderatori del forum “Gli enti locali – Paolo Gros, Lucio Guerra e Marco Lombardi on web”.  Scarica CV >

Marco Sigaudo

Opera nel settore della PA da oltre 15 anni, l’esperienza acquisita è confluita all’interno di Studio Sigaudo s.r.l. tramite la quale è in grado di offrire servizi ad ampio spettro all’Ente.  Scarica CV >