obbligo PagoPA dal 31/12/2019

Re: obbligo PagoPA dal 31/12/2019

Messaggioda lucio guerra » 28/04/2020, 17:17

Infatti anutel spinge, anci frena

È una ulteriore complicazione delle cose semplici

Poi vogliono sbloccare l'Italia, ma fatemi il piacere
lucio guerra
Moderatore Forum Tutto PA
lucioguerrainfo@gmail.com
Avatar utente
lucio guerra
 
Messaggi: 5326
Iscritto il: 31/12/2014, 12:52
Località: Fratte Rosa

Re: obbligo PagoPA dal 31/12/2019

Messaggioda AsproMonte » 28/04/2020, 17:26

Diciamo anche che sui tributi c'è sempre la possibilità di usare il buon vecchio F24 (che a questo punto userò anche per gli altri tributi come imposta pubblicità e TOSAP per esempio che incassavo con bonifico bancario o versamento diretto in tesoreria) per cui a chi segue solo i tributi tutto sommato frega poco di questa cosa :twisted:
Dove finisce la logica inizia la ferrovia (e la contabilità armonizzata)!
Avatar utente
AsproMonte
 
Messaggi: 1770
Iscritto il: 16/02/2018, 17:02

Re: obbligo PagoPA dal 31/12/2019

Messaggioda ritaiacp » 29/04/2020, 13:26

a me è arrivata questa nota. Io ho già attivata da ottobre 2019 la piattaforma del pagoPA.

Presidenza del Consiglio dei Ministri
IL MINISTRO PER L’INNOVAZIONE TECNOLOGICA E LA
DIGITALIZZAZIONE

Roma, 16 aprile 2020
Oggetto: adesione alla Piattaforma pagoPA e scadenza del termine di cui all’art. 65,
comma 2, del D.lgs n. 217/2017
Spett. Ente,
come noto, dall'inizio del corrente anno è diventata operativa la nuova Società
“PagoPA S.p.A.1”, quale società interamente partecipata dallo Stato e vigilata dalla
Presidenza del Consiglio dei ministri, a cui il Governo ha affidato il compito di ammodernare
l’infrastruttura tecnologica del Paese, contribuendo alla trasformazione e allo sviluppo dei
servizi digitali. Tale incarico, che perseguiamo con determinazione, si rivela ancor più
impellente in questo drammatico momento. La PagoPA S.p.A. ha l’obiettivo primario di:
1 Società per azioni con socio unico, capitale sociale di euro 1.000.000 interamente versato con sede legale in Roma, Piazza Colonna 370,
CAP 00187 e n. di iscrizione al Registro delle Imprese di Roma, C.F. e P.IVA 15376371009
2
● incentivare il mercato dei pagamenti digitali tramite la Piattaforma pagoPA;
● collaborare con Istituzioni e aziende nel processo di innovazione, anche attraverso
piattaforme mobile e l’APP IO.it;
● diffondere i servizi pubblici digitali, sviluppando user experience aderenti alle esigenze
dei cittadini e delle imprese, i servizi di cittadinanza digitale, le notifiche e il domicilio
digitale.
Riteniamo indispensabile, pertanto, informare gli Enti e le Aziende del settore
pubblico in merito all'ineludibile processo di innovazione intrapreso e richiamare l’attenzione
dei responsabili della ragioneria, della contabilità e del servizio ICT dei vantaggi derivanti
dall’adozione della Piattaforma pagoPA - in termini economici e di qualità del servizio reso
all’utenza.
In particolare, vorremmo evidenziare che il Sistema pagoPA mette a disposizione:
● una piattaforma di incasso connessa con le infrastrutture multicanale dei prestatori di
servizi di pagamento, cd PSP (Banche, Poste, istituti di pagamento e istituti di moneta
elettronica) che consente all’utenza il pagamento on line (24x7) e con esito in tempo
reale;
● l’accredito delle somme incassate il giorno successivo al pagamento;
● una rendicontazione centralizzata e standardizzata per giornata di incasso;
● la riconciliazione contabile automatica delle entrate;
● la riduzione dei costi di gestione;
● servizi di assistenza agli utenti dei servizi di pagamento;
● servizi di assistenza e supporto agli Enti beneficiari del pagamento.
Tutti i servizi elencati vengono erogati a titolo gratuito sia dalla Società PagoPA
S.p.A. a beneficio degli Enti Creditori, sia dai PSP abilitati ad operare sulla piattaforma con i
quali non è necessario sottoscrivere alcun contratto, né tantomeno sostenere alcun costo per i
servizi di pagamento erogati.
Ricordiamo, inoltre, che le attuali norme impongono l’utilizzo obbligatorio di pagoPA
per ogni tipologia di incasso, senza nessuna esclusione, ai seguenti soggetti:
● Pubbliche Amministrazioni (di cui all’art. 1, comma 2, del D. Lgs 165/2001);
3
● gestori di pubblici servizi, ivi comprese le società quotate, in relazione ai servizi di
pubblico interesse;
● società a controllo pubblico, come definite nel decreto legislativo 175/2016, escluse le
società quotate.
Pertanto, ai sensi dell’art. 65, comma 2, del D.Lgs n. 217/2017 come da ultimo
modificato dal D.L. n. 162/2019 (Decreto Milleproroghe), dal 30 giugno p.v. i PSP sono
chiamati ad utilizzare unicamente la piattaforma pagoPA per erogare servizi di pagamento
verso le Pubbliche Amministrazioni. Di conseguenza:
● le PA devono adottare e utilizzare in via esclusiva la piattaforma pagoPA;
● i servizi di pagamento alternativi a pagoPA risulteranno illegittimi;
● le aziende erogatrici di servizi pubblici devono adottare e utilizzare - anche in via non
esclusiva - la piattaforma pagoPA.
Nel caso non abbiate ancora provveduto, Vi invitiamo ad aderire e attivare pagoPA
per tutti i servizi che erogate ai vostri cittadini/utenti.
Viceversa, se avete già aderito, ma continuate ad utilizzare servizi di incasso
alternativi, Vi invitiamo a predisporre le procedure - direttamente o tramite un Partner
Tecnologico - al fine di pervenire ad una adozione generalizzata di pagoPA e di interrompere
l’utilizzo di strumenti di incasso non più aderenti alla normativa vigente, con la sola
eccezione del modello F24 e del Sepa Direct Debit (SDD).
Confidando nella vostra collaborazione, fiduciosi che tutti gli Enti, le aziende
pubbliche, le aziende private e gli intermediari finanziari coinvolti possano contribuire
fattivamente alla trasformazione digitale del nostro paese, ringraziamo e porgiamo
Distinti Saluti
Amministratore Unico della
PagoPA S.p.A.
Ministro per l’innovazione tecnologica e
la digitalizzazione
Giuseppe Virgone
( f.to digitalmente )
Paola Pisano
( f.to digitalmente )
4
ritaiacp
 
Messaggi: 24
Iscritto il: 03/03/2016, 17:25

Re: obbligo PagoPA dal 31/12/2019

Messaggioda Kaleb » 29/04/2020, 22:17

Sono d'accordo con voi, tutti 'sti benefici non li vedo per noi Uffici entrate (né per i tributi, né per le entrate patrimoniali). Oltretutto c'è il problema dell'adeguamento del software gestionale (con necessità di attribuzione del codice IUV per i pagamenti attesi e non si capisce come migliorerebbe il riscontro e la rendicontazione per i pagamenti spontanei non attesi). Un vantaggio forse ce l'ha il pagante che, si dice, dovrebbe avere un vantaggio sulla concorrenza nelle commissioni di pagamento (in realtà non è detto).
Decaro, presidente dell'ANCI, ha emesso una nota in cui fa presente le difficoltà operative e propone un emendamento per prorogare l'obbligo e prevedere un supporto gratuito agli Enti, ma a Roma sembrano intenzionati a proseguire dritto..
Kaleb
 
Messaggi: 423
Iscritto il: 08/07/2018, 15:56

Re: obbligo PagoPA dal 31/12/2019

Messaggioda AsproMonte » 30/04/2020, 10:02

Mediamente per il contribuente c'è un aggravio di costi mentre a livello contabile diciamo che se il programma di contabilità è aggiornato bene e le comunicazioni a chi gestisce la piattaforma PagoPA (la Regione nel nostro caso) sono fatte bene dovrebbe garantire una regolarizzazione più veloce e la certezza che i soldi arrivino a noi ;)
Dove finisce la logica inizia la ferrovia (e la contabilità armonizzata)!
Avatar utente
AsproMonte
 
Messaggi: 1770
Iscritto il: 16/02/2018, 17:02

Re: obbligo PagoPA dal 31/12/2019

Messaggioda Kaleb » 30/04/2020, 10:16

Mi chiedo che cosa succederà quando faranno rientrare anche gli F24 nel circuito PagoPA (era una vecchia idea della Madia) :shock: . Alla fine neanche gli F24 sono poi così "brillanti" in velocità di rendicontazione flussi dal'AdE; capita poi spessissimo (ultimamente ancora di più) che per distrazione del contribuente o dello sportellista di banca/posta il codice belfiore del Comune venga digitato o selezionato in modo errato ..e non aiuta il fatto che nella stampigliatura della quietanza non appaiano i dettagli :?
Kaleb
 
Messaggi: 423
Iscritto il: 08/07/2018, 15:56

Re: obbligo PagoPA dal 31/12/2019

Messaggioda AsproMonte » 30/04/2020, 10:20

Se cerchi la quietanza (che si può fare anche direttamente al'Agenzia delle Entrate o presso il proprio CAF o commercialista da parte del contribuente) risulta sempre dove sono andati a finire i soldi ;)
Dove finisce la logica inizia la ferrovia (e la contabilità armonizzata)!
Avatar utente
AsproMonte
 
Messaggi: 1770
Iscritto il: 16/02/2018, 17:02

Re: obbligo PagoPA dal 31/12/2019

Messaggioda Kaleb » 30/04/2020, 10:23

Vero, ma il contribuente spesso non lo vede e a noi dà solo la copia cartacea col timbro (a quel punto, se non risulta, è più veloce chiedere all'assistenza nel siatel)
Kaleb
 
Messaggi: 423
Iscritto il: 08/07/2018, 15:56

Re: obbligo PagoPA dal 31/12/2019

Messaggioda Kaleb » 30/04/2020, 16:35

A un corso Anutel un rappresentante della PagoPA S.p.A. ha detto che pensano di veicolare gli F24 sul circuito PagoPA più o meno all'inizio del 2021, che non vedono problemi applicativi, che i costi di incasso sono molto bassi, ecc.. non sarà che hanno fatto le "scuole alte" da Arera? :mrgreen: P.S. tra l'altro ho pensato che, se riescono a sbagliare a digitare anche una sola cifra o lettera del codice catastale del Comune beneficiario negli F24, figuratevi le 35 cifre numeriche del codice IUV dell'avviso pagopa :o
Tra l'altro mi sono letto un po' di specifiche tecniche e non dà nessuna garanzia di certezza neanche l'oggetto dell'avviso (alias la causale del pagamento). Ho seriamente il terrore della rendicontazione "tributaria" (più che la riconciliazione contabile) dei pagamenti spontanei (c.d. non attesi) per tributi in autoliquidazione.. :roll:
Kaleb
 
Messaggi: 423
Iscritto il: 08/07/2018, 15:56

Re: obbligo PagoPA dal 31/12/2019

Messaggioda lucio guerra » 03/05/2020, 17:34

Non ci sono benefici per nessuno con pagopa

Per noi c'è un maggior costo di integrazione con gli applicativi che incide circa 2000 euro l'anno

La necessitàdi avere un software applicativo per ogni entrata che genera un'altro maggior costo anni di circa 500 euro per ogni applicazione

Crea diversi problemi sopratutto nei pagamenti in rateizzazione. Il codice iuv ha una scadenza, quindi se il contribuente versa con 1 giorno di ritardo, il pagamento non può essere effettuato. Il contribuente deve tornare nei nostri uffici per ricevere altro documento, e così via

Immaginate cosa succederà

Il contribute aveva già da adesso la possibilità di :
- pagare in contanti presso l'economo o presso la tesoreria
- pagare con pos
- pagare con bonifico sepa (ormai quasi tutte le banche danno molte operazioni gratuite)

Quindi in conclusione l'ennesimo obbligo pa che non serve a nessuno, che complica una delle poche cose semplici rimaste, e che mette in piedi l'ennesimo carrozzone, la società pagopa creata per questo
lucio guerra
Moderatore Forum Tutto PA
lucioguerrainfo@gmail.com
Avatar utente
lucio guerra
 
Messaggi: 5326
Iscritto il: 31/12/2014, 12:52
Località: Fratte Rosa

PrecedenteProssimo

Torna a Finanziario

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 12 ospiti

Paolo Gros

Funzionario di un ente comunale. Tra gli ideatori e gestori del blog “Gli enti locali – Paolo Gros, Lucio Guerra e Marco Lombardi on web”.  Scarica CV >

Lucio Guerra

Responsabile Servizi Associati di una Unione Montana di Comuni. Tra i gestori e moderatori del forum “Gli enti locali – Paolo Gros, Lucio Guerra e Marco Lombardi on web”.  Scarica CV >

Marco Sigaudo

Opera nel settore della PA da oltre 15 anni, l’esperienza acquisita è confluita all’interno di Studio Sigaudo s.r.l. tramite la quale è in grado di offrire servizi ad ampio spettro all’Ente.  Scarica CV >