Linee guida anac n.4 in vigore dal 7 aprile 2018

Linee guida anac n.4 in vigore dal 7 aprile 2018

Messaggioda ecomepro » 12/05/2018, 18:45

Buon pomeriggio a tutti. In un contesto legislativo non estremamente chiaro, penso che tutti giornalmente operiamo con la speranza di aver fatto bene.
In merito a tali linee guida, come riportate nel titolo, lo stesso Consiglio di Stato ha fornito un timido chiarimento. Infatti: Come chiarito dal medesimo parere del Consiglio di Stato, oltre che dall’ANAC, le linee guida sul sotto-soglia non hanno carattere vincolante. I giudici di Palazzo Spada le inquadrano come atto amministrativo generale non vincolante che, pur perseguendo lo scopo di fornire indirizzi ed istruzioni operative alle stazioni appaltanti, dà ad esse modo di discostarsi da quanto disposto dall’Autorità.
La possibilità di discostarsi dovrà però ricollegarsi all’adozione di un atto della medesima Amministrazione procedente, preferibilmente a carattere generale, che contenga una adeguata e puntuale motivazione, anche a fini di trasparenza, di ogni eventuale scelta amministrativa che disattenda i citati indirizzi, ma pur sempre rispettosa delle disposizioni del Codice e dei principi generali sull’esercizio del potere di affidamento di commesse pubbliche.
Da ciò la conclusione che solo eccezionalmente una stazione appaltante possa discostarsi dalle linee guida per un singolo affidamento, senza avere previamente adottato uno specifico atto generale che preveda tale possibilità e le sue condizioni.

Ciò premesso, pongo il quesito pratico che riguarda la manutenzione delle fotocopiatrice e delle multifunzione. Nel nostro Ente non sono a noleggio, ma di nostra proprietà. L'ufficio Patrimonio, all'occorrenza, su richiesta dell'ufficio dirigenziale che richiede la manutenzione, procede inviando richiesta di preventivi a 5 ditte che dopo sopralluogo, inviano per pec i relativi preventivi. Le marche delle attrezzature le chiamero ALFA, BETA e GAMMA.
Tra gli invitati, viene richiesto preventivo al Concessionario ALFA e ad altri 4 operatori non legati ad ALFA, e così con le altre due marche. Si tratta di preventivi che si aggirano tra i 60 e i 350 euro al massimo che in un anno per i 3 fotocopiatori, complessivamente possono sommare quasi 3.000 euro. L'Ufficio Anticorruzione, anche se non formalmente, ha contestato l'assenza di rotazione nella riparazione di ALFA che viene riparata dal concessionario e idem per BETA e GAMMA. Lo stesso Ufficio Anticorruzione del nostro Ente, non per iscritto :D , ha consigliato di non invitare più i concessionari per dare spazio ad altre Ditte che seppure non abilitate, potrebbero (?) - a dire dell'ufficio anticorruzione - intervenire più economicamente, e "rispettare la rotazione".
A questo punto chiedo ai Colleghi, Addetti ai lavori e a chi possa avere le idee più chiare delle mie, in caso di danneggiamento dell'attrezzatura per imperizia di chi esegue l'intervento, la responsabilità, oltre che dell'Operatore che ha causato il danno, potrebbe ricadere sul Responsabile del Servizio che ha proceduto all'affidamento? Credetemi è veramente un paradosso, perchè è come se chiamassi un elettricista bravo, che mi esegue il lavoro con efficienza, non mi costa tanto, ma non posso invitarlo per i prossimi interventi, perchè devo operare la rotazione. Voi come vi regolate?
Grazie anticipate e scusate la lunghezza del post.
Avatar utente
ecomepro
 
Messaggi: 157
Iscritto il: 09/01/2015, 19:48

Re: Linee guida anac n.4 in vigore dal 7 aprile 2018

Messaggioda rolan » 23/05/2018, 20:42

Concordo che è un'assurdità. Ma tant'è.
Si potrebbe pensare a una procedura negoziata anche x più annualità preceduta da richiesta di manifestazione di interesse e invitando tutti coloro che hanno fatto richiesta così che anche l'uscente possa presentare offerta ma ovviamente questo non comporta che risulti poi anche nuovamente affidatario.
Un'altra modalità per assicurarsi che l'affidatario sia in grado di fare il suo lavoro potrebbe essere chiedere nell'avviso di manifestazione di interesse dei requisiti minimi di esperienza proporzionati all'importo e alla durata del contratto.
Nel caso di mancato adempimento ci si può sempre rivalere sulla cauzione. Si può inoltre chiedere all'affidatario copia della polizza rct se posseduta. Altro non mi viene in mente.
rolan
 
Messaggi: 44
Iscritto il: 04/02/2015, 20:16

Re: Linee guida anac n.4 in vigore dal 7 aprile 2018

Messaggioda ecomepro » 24/05/2018, 6:23

Grazie Rolan per i consigli.
Sul lato responsabilità, in caso di sinistro dell'attrezzatura, tipo un incendio e quindi conseguenti danneggiamenti, pensi che possa essere chiamato in causa, oltre l'aggiudicatario, anche chi ha proceduto all'affidamento, specie se l'operatore economico non aveva abilitazione su quella determinata macchina?
Avatar utente
ecomepro
 
Messaggi: 157
Iscritto il: 09/01/2015, 19:48

Re: Linee guida anac n.4 in vigore dal 7 aprile 2018

Messaggioda ecomepro » 02/06/2018, 15:05

Buona festa della Repubblica.
Questa sentenza è abbastanza recente. E' solo una sentenza, ma potrebbe aprire qualche spiraglio. Speriamo che ne seguano altre.

https://www.lavoripubblici.it/news/2018 ... -rotazione
Avatar utente
ecomepro
 
Messaggi: 157
Iscritto il: 09/01/2015, 19:48


Torna a Finanziario

Chi c’è in linea

Visitano il forum: kicerog e 18 ospiti

Paolo Gros

Funzionario di un ente comunale. Tra gli ideatori e gestori del blog “Gli enti locali – Paolo Gros, Lucio Guerra e Marco Lombardi on web”.  Scarica CV >

Lucio Guerra

Responsabile Servizi Associati di una Unione Montana di Comuni. Tra i gestori e moderatori del forum “Gli enti locali – Paolo Gros, Lucio Guerra e Marco Lombardi on web”.  Scarica CV >

Marco Sigaudo

Opera nel settore della PA da oltre 15 anni, l’esperienza acquisita è confluita all’interno di Studio Sigaudo s.r.l. tramite la quale è in grado di offrire servizi ad ampio spettro all’Ente.  Scarica CV >