convenzione PL estiva

convenzione PL estiva

Messaggioda ronin » 15/05/2017, 10:48

E' in atto una convenzione PL tra tre comuni da circa 5 anni, per venire incontro all'assenza di agenti in un comune molto distante dai 3 convenzionati, una delle amministrazioni coinvolte vuole fare una convenzione di PL con questo comune per inviare un agente 4 volte a settimana durante l'orario di lavoro ordinario e facendogli utilizzare la sua auto personale cosa che lui non vuol fare perché per il periodo di 5 mesi circa che durerebbe questa convenzione nella convenzione farebbe oltre km 1200 con notevoli spese manutentive non coperte dal costo km rimborsato.
Utilizzando cmq per gli spostamenti eventualmente un veicolo di servizio, l'agente non percepirebbe nulla in più di stipendio ma solo l'onere di andare a oltre km 30 da dove lavora normalmente. E' possibile fargli un progetto obiettivo come incentivo visto il disagio patito ed è regolare una convenzione nella convenzione dove è un solo agente ad avere l'onere di coprire il servizio in altro comune ad alta vocazione turistica considerato che con la mobilità dei due agenti che si sono presentati non è stato fatto idoneo nessuno e ora con l'imminenza della stagione estiva hanno grandi esigenza di presenza di un vigile?
Grazie al forum
ronin
 
Messaggi: 41
Iscritto il: 04/05/2015, 15:01

Re: convenzione PL estiva

Messaggioda themis » 18/06/2017, 21:44

Per ogni funzione UNA sola convenzione. Questo è pacifico.
Se esiste già una convenzione per il servizio di polizia locale non si può farne un'altra ma eventualmente rifare l'esistente coinvolgendo il nuovo ente.
Nel nuovo testo della convenzione verrà specificato cosa viene "dato" in termini di servizio ad ogni ente partecipante, la loro partecipazione economica al costo del servizio (personale, mezzi, attrezzatura......), il nominativo del responsabile unico......... E qui abbiamo già trovato la risposta a molte domande. Rivolgiti al responsabile unico del servizio.
Usare la mia auto personale? Ma sei fuori di melone? Non succederà mai! Innanzitutto non sono obbligato ad avere un 'auto, se anche ce l'ho non è detto che io voglia utilizzarla per servizio. Piuttosto mi faccio portare al lavoro dalla moglie o dai figli o dai genitori o da amici, poi quando dovrò andare nell'altro comune chiederò al responsabile unico del servizio come ancdarci. Se vuole prendo l'autobus ma lo paga lui!
Progetto obiettivo? Siamo in una convenzione quindi il progetto andrebbe esteso a tutti gli agenti partecipanti alla convenzione e non solo ad uno.
Comunque, al di là dei problemi sopra esposti se l'ente fa una convenzione con un altro comune e decide di mandare il suo agente in orario di servizio con un'auto di servizio a lavorare nell'altro ente non ci sono scappatoie. L'agente ci va punto e basta. L'unico appiglio giuridico/burocratico a disposizione dell'agente è il DVR (documento di valutazione dei rischi). Nell'ente in cui viene mandato a lavorare quali rischi sono stati valutati nel profilo dell'agetnte di polizia locale? Probabilmente non è stato proprio valutato, quindi scrivere subito all' RSPP del proprio ente e chiedere "istruzioni" operative dettagliate visto che l'ente datore di lavoro è il comune A il quale ha l'obbligo giuridico 81/2008 di effettuare una valutazione dei rischi cui il lavoratore è sottoposto.
themis
 
Messaggi: 109
Iscritto il: 18/01/2015, 15:18


Torna a Polizia locale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti

Paolo Gros

Funzionario di un ente comunale. Tra gli ideatori e gestori del blog “Gli enti locali – Paolo Gros, Lucio Guerra e Marco Lombardi on web”.  Scarica CV >

Lucio Guerra

Responsabile Servizi Associati di una Unione Montana di Comuni. Tra i gestori e moderatori del forum “Gli enti locali – Paolo Gros, Lucio Guerra e Marco Lombardi on web”.  Scarica CV >

Marco Sigaudo

Opera nel settore della PA da oltre 15 anni, l’esperienza acquisita è confluita all’interno di Studio Sigaudo s.r.l. tramite la quale è in grado di offrire servizi ad ampio spettro all’Ente.  Scarica CV >