Regime previdenziale a seguito reintegro

Regime previdenziale a seguito reintegro

Messaggioda Marilena1967 » 05/01/2021, 14:20

Buongiorno,
un dipendente, in regime TFS, viene licenziato e gli viene corrisposta l'IPS.
Anni dopo viene reintegrato e gli sono riconosciuti gli arretrati dal giorno del licenziamento a quello di riassunzione.
Secondo me, si tratta di una nuova assunzione da inquadrare in regime di TFR in quanto:
1) una parte della sua vita lavorativa si è, di fatto, conclusa con la corresponsione dell'IPS;
2) gli arretrati corrisposti hanno scontato quanto percepito nel periodo di estromissione per lo svolgimento di altre attività lavorative (art. 62 c.4 CCNL 21/05/2018 e art. 18 Statuto Lavoratori)
3) il dipendente ha, appunto, svolto altre attività lavorative durante il periodo di licenziamento, e nel momento della riammissione in servizio ha un nuovo contratto di lavoro (sebbene gli venga mantenuta l'anzianità maturata fino alla destituzione).
Purtroppo non riesco a trovare materiale che tratti questa fattispecie sotto il profilo previdenziale... voi come la pensate?
Ringrazio chiunque interverrà.
Marilena1967
 
Messaggi: 6
Iscritto il: 12/06/2018, 22:24

Re: Regime previdenziale a seguito reintegro

Messaggioda abal60 » 05/01/2021, 20:11

Salve
Quanto da te evidenziato è corretto.
Nel mio Ente anni fa caso analogo. Dipendente cessato per dimissioni e successivamente riassunto a seguito sua istanza (se ricordo per una norma contenuta nel contratto)
Allo stesso venne pagato il TFS per periodo assunzione fino a dinissioni. Dalla riammissione in servizio iscritto in regime Tfr. Se ricordo bene alla data di riammissione, gli venne riconosciuto il trattamento economico in godimento alla data di cessazione, ma senza la R i a.
Saluti


evi
Marilena1967 ha scritto:Buongiorno,
un dipendente, in regime TFS, viene licenziato e gli viene corrisposta l'IPS.
Anni dopo viene reintegrato e gli sono riconosciuti gli arretrati dal giorno del licenziamento a quello di riassunzione.
Secondo me, si tratta di una nuova assunzione da inquadrare in regime di TFR in quanto:
1) una parte della sua vita lavorativa si è, di fatto, conclusa con la corresponsione dell'IPS;
2) gli arretrati corrisposti hanno scontato quanto percepito nel periodo di estromissione per lo svolgimento di altre attività lavorative (art. 62 c.4 CCNL 21/05/2018 e art. 18 Statuto Lavoratori)
3) il dipendente ha, appunto, svolto altre attività lavorative durante il periodo di licenziamento, e nel momento della riammissione in servizio ha un nuovo contratto di lavoro (sebbene gli venga mantenuta l'anzianità maturata fino alla destituzione).
Purtroppo non riesco a trovare materiale che tratti questa fattispecie sotto il profilo previdenziale... voi come la pensate?
Ringrazio chiunque interverrà.
abal60
 
Messaggi: 251
Iscritto il: 02/01/2015, 20:45

Re: Regime previdenziale a seguito reintegro

Messaggioda Marilena1967 » 07/01/2021, 19:37

Bene, bene... anche noi abbiamo mantenuto il trattamento economico in godimento all'atto della cessazione.
Ti ringrazio per la risposta, e buon lavoro

abal60 ha scritto:Salve
Quanto da te evidenziato è corretto.
Nel mio Ente anni fa caso analogo. Dipendente cessato per dimissioni e successivamente riassunto a seguito sua istanza (se ricordo per una norma contenuta nel contratto)
Allo stesso venne pagato il TFS per periodo assunzione fino a dinissioni. Dalla riammissione in servizio iscritto in regime Tfr. Se ricordo bene alla data di riammissione, gli venne riconosciuto il trattamento economico in godimento alla data di cessazione, ma senza la R i a.
Saluti


evi
Marilena1967 ha scritto:Buongiorno,
un dipendente, in regime TFS, viene licenziato e gli viene corrisposta l'IPS.
Anni dopo viene reintegrato e gli sono riconosciuti gli arretrati dal giorno del licenziamento a quello di riassunzione.
Secondo me, si tratta di una nuova assunzione da inquadrare in regime di TFR in quanto:
1) una parte della sua vita lavorativa si è, di fatto, conclusa con la corresponsione dell'IPS;
2) gli arretrati corrisposti hanno scontato quanto percepito nel periodo di estromissione per lo svolgimento di altre attività lavorative (art. 62 c.4 CCNL 21/05/2018 e art. 18 Statuto Lavoratori)
3) il dipendente ha, appunto, svolto altre attività lavorative durante il periodo di licenziamento, e nel momento della riammissione in servizio ha un nuovo contratto di lavoro (sebbene gli venga mantenuta l'anzianità maturata fino alla destituzione).
Purtroppo non riesco a trovare materiale che tratti questa fattispecie sotto il profilo previdenziale... voi come la pensate?
Ringrazio chiunque interverrà.
Marilena1967
 
Messaggi: 6
Iscritto il: 12/06/2018, 22:24


Torna a Personale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 19 ospiti

Paolo Gros

Esperienza come funzionario di un ente comunale. Tra gli ideatori e gestori del blog “Gli enti locali – Paolo Gros, Lucio Guerra e Marco Lombardi on web”.

Lucio Guerra

Responsabile Servizi Associati di una Unione Montana di Comuni. Tra i gestori e moderatori del forum “Gli enti locali – Paolo Gros, Lucio Guerra e Marco Lombardi on web”.

Marco Sigaudo

Opera nel settore della PA da oltre 15 anni, l’esperienza acquisita è confluita all’interno di Studio Sigaudo s.r.l., società che offre servizi ad ampio spettro all’Ente.