inabilità permanente a qualsiasi attività

inabilità permanente a qualsiasi attività

Messaggioda piano54 » 18/08/2020, 17:26

Buongiorno

ho bisogno del vostro aiuto.
Un dipendente, in seguito a sua richiesta, è stato sottoposto a visita medica collegiale. E' stato dichiarato non idoneo permanentemente a svolgere qualsiasi attività lavorativa. La visita è stata effettuata i primi di agosto. Preciso che il dipendente ha 62 anni di età e 38 di contributi presso lo stesso ente. Dovrebbe essere collocato in pensione, ma non ha ancora presentato richiesta.
Qualcuno mi sa dire quali atti deve adottare l'ente?
Il mese di agosto può essere retribuito come normale attività in servizio in attesa di collocarlo in pensione e liquidare le varie indennità spettanti (ferie non godute e mancato preavviso)?
Grazie per l'eventuale risposta.
piano54
 
Messaggi: 10
Iscritto il: 27/03/2018, 12:31

Re: inabilità permanente a qualsiasi attività

Messaggioda abal60 » 18/08/2020, 19:08

Scusa la domanda, ma la richiesta di visita medica è stata fatta direttamente dal dipendente o tramite l'Amministrazione di appartenenza? La prassi prevede che sia l'Ente ad inviare a visita il dipendente che ne faccia richiesta. Se ciò è avvenuto, devi dispensarlo dal servizio, collocandolo a riposo al massimo 30 giorni dopo l'arrivo al protocollo del giudizio medico, corrispondendo l'indennità di preavviso e le ferie eventualmente non fruite. Conseguentemente devi attivare le procedure previste per la corresponsione allo stesso, del trattamento di pensione e fine servizio.
abal60
 
Messaggi: 243
Iscritto il: 02/01/2015, 20:45

Re: inabilità permanente a qualsiasi attività

Messaggioda piano54 » 20/08/2020, 8:11

Buongiorno
grazie per la celere risposta.

Preciso che la richiesta per la visita collegiale è stata inoltrata dall'Ente su richiesta del dipendente.
"Attivare le procedure previste per la corresponsione della pensione.." significa che l'ente deve inoltrare la documentazione relativa al collocamento a riposo?
La richiesta in via telematica deve comunque essere inviata dal dipendente?
Non sono molto esperta in materia....
piano54
 
Messaggi: 10
Iscritto il: 27/03/2018, 12:31

Re: inabilità permanente a qualsiasi attività

Messaggioda abal60 » 20/08/2020, 9:52

piano54 ha scritto:Buongiorno
grazie per la celere risposta.

Preciso che la richiesta per la visita collegiale è stata inoltrata dall'Ente su richiesta del dipendente.
"Attivare le procedure previste per la corresponsione della pensione.." significa che l'ente deve inoltrare la documentazione relativa al collocamento a riposo?
La richiesta in via telematica deve comunque essere inviata dal dipendente?
Non sono molto esperta in materia....

In ordine:
Disporre la dispensa dal servizio del dipendente e corrispondere preavviso ed eventuali ferie non godute, notificando allo stesso l'atto di cessazione.
Il dipendente, personalmente con proprio Pin o a mezzo patronato, presenta domanda di pensione online: tale procedura è indispensabile in quanto in mancanza, l'ente non può procedere a lavorare su Passweb la pensione
Se la domanda online è stata presentata, devi procedere a lavorare in passweb la pensione, inserendo anticipo DMA e Ultimo miglio.
Fatto ciò, comunichi a Inps con pec la lavorazione della pratica, inviando copia del verbale di visita medica con accluso atto di dispensa.
Per il Tfs, dopo aver lavorato la pensione, inserisci i dati per la liquidazione con relativo ultimo miglio.
Di tale procedura avrai cura di comunicarla alla sede di competenza, allegando i documenti trasmessi per la pensione.
abal60
 
Messaggi: 243
Iscritto il: 02/01/2015, 20:45

Re: inabilità permanente a qualsiasi attività

Messaggioda piano54 » 20/08/2020, 13:02

GRAZIE!
piano54
 
Messaggi: 10
Iscritto il: 27/03/2018, 12:31

Re: inabilità permanente a qualsiasi attività

Messaggioda salvino » 25/08/2020, 16:50

Io ho avuto un caso simile ... la persona era però più giovane ed applicando la normativa indicata sul verbale non c'era bisogno di richiesta di collocamento a riposo da parte del dipendente, ho lavorato subito la pensione. (art. 2 comma 12 legge 335/95)
Se una scrivania in disordine è segno di una mente disordinata, di cosa sarà segno allora una scrivania vuota?
(Albert Einstein)
salvino
 
Messaggi: 447
Iscritto il: 08/01/2015, 9:12

Re: inabilità permanente a qualsiasi attività

Messaggioda piano54 » 15/09/2020, 9:11

Scusa Salvino, come hai proceduto? io ho preso in carico la lavorazione della PA dipendente, ma quando ho provato ad inserire l'anticipo DMA è apparso il messaggio che non era presente alcuna domanda di pensione per cui l'anticipo non poteva essere inserito. In che modo potrei procedere?
piano54
 
Messaggi: 10
Iscritto il: 27/03/2018, 12:31

Re: inabilità permanente a qualsiasi attività

Messaggioda abal60 » 15/09/2020, 14:02

piano54 ha scritto:Scusa Salvino, come hai proceduto? io ho preso in carico la lavorazione della PA dipendente, ma quando ho provato ad inserire l'anticipo DMA è apparso il messaggio che non era presente alcuna domanda di pensione per cui l'anticipo non poteva essere inserito. In che modo potrei procedere?

Il dipendente, personalmente con proprio Pin o a mezzo patronato, presenta domanda di pensione online: tale procedura è indispensabile in quanto in mancanza, l'ente non può procedere a lavorare su Passweb la pensione
Se la domanda online è stata presentata, devi procedere a lavorare in passweb la pensione, inserendo anticipo DMA e Ultimo miglio.
abal60
 
Messaggi: 243
Iscritto il: 02/01/2015, 20:45


Torna a Personale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 7 ospiti

Paolo Gros

Esperienza come funzionario di un ente comunale. Tra gli ideatori e gestori del blog “Gli enti locali – Paolo Gros, Lucio Guerra e Marco Lombardi on web”.

Lucio Guerra

Responsabile Servizi Associati di una Unione Montana di Comuni. Tra i gestori e moderatori del forum “Gli enti locali – Paolo Gros, Lucio Guerra e Marco Lombardi on web”.

Marco Sigaudo

Opera nel settore della PA da oltre 15 anni, l’esperienza acquisita è confluita all’interno di Studio Sigaudo s.r.l., società che offre servizi ad ampio spettro all’Ente.