TARI UTENZA NON DOMESTICA

TARI UTENZA NON DOMESTICA

Messaggioda annama » 03/12/2022, 0:16

Ho accertato una società per omessa dichiarazione Tari che occupa un capannone applicando la categoria corrispondente al codice Ateco.
La società mi ha fornito un certificato camerale dove risulta che questa unità locale è l'utilizzata come deposito.
La società mi chiede di applicare la categoria dei depositi e non quella corrispondente al proprio ateco perché sostiene che debba tenere conto dell'effettivo utilizzo.
Ritenete possa essere accolta la richiesta che naturalmente comporta una riduzione della tariffa, oppure devo respingerla?
annama
 
Messaggi: 142
Iscritto il: 13/01/2015, 18:41

Re: TARI UTENZA NON DOMESTICA

Messaggioda Kaleb » 03/12/2022, 11:29

Dipende da cosa impone il vostro Regolamento TARI in merito alla classificazione delle superfici delle utenze non domestiche: in alcuni è previsto che si applichi un'unica categoria a tutta la superficie della u.i.u. coerente con il codice ATECO dell'impresa (che a sua volta può essere distinto in principale o secondario per quell'unità locale: vedi visura CCIAA); in altri si adotta un criterio di corrispondenza tra la peculiare destinazione d'uso dei locali e la categoria specifica di appartenenza (magazzini, uffici, mense, aree vendita, zona di produzione ecc...).
Kaleb
 
Messaggi: 796
Iscritto il: 08/07/2018, 15:56


Torna a Tributi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 10 ospiti

Paolo Gros

Esperienza come funzionario di un ente comunale. Tra gli ideatori e gestori del blog “Gli enti locali – Paolo Gros, Lucio Guerra e Marco Lombardi on web”.

Lucio Guerra

Responsabile Tributi e Informatica di una Unione di Comuni. Tra i gestori e moderatori del forum “Gli enti locali – Paolo Gros, Lucio Guerra e Marco Lombardi on web”.

Marco Sigaudo

Opera nel settore della PA da oltre 15 anni, l’esperienza acquisita è confluita all’interno di Studio Sigaudo s.r.l., società che offre servizi ad ampio spettro all’Ente.