fallimento impresa

fallimento impresa

Messaggioda gabriele » 11/11/2021, 19:05

Buonasera, a qualcuno è capitato di avere un fallimento di una società con fabbricato D? Mi sono insinuato al passivo 5 anni fa notificando gli avvisi di accertamento al curatore.
Ora il curatore mi chiede la quantificazione dell'IMU dalla data di ammissione fino al 2021 per la prededuzione dal riparto.
Il mio dubbio è se l'imposta maturata successivamente all'ammissione al passivo è da suddividere anche con lo Stato oppure se può rimanere interamente al Comune.

Inoltre se ho letto correttamente un altro post, l'IMU non versata in questi ultimi 5 anni non va maggiorata della sanzione del 30%.
E' corretto?
Grazie a chi può aiutarmi
gabriele
 
Messaggi: 193
Iscritto il: 13/01/2015, 12:37

Re: fallimento impresa

Messaggioda lucio guerra » 11/11/2021, 20:32

devi solo fare il calcolo dell'imposta e poi sarà il curatore a versare e vedrai se verserà con codice tributo stato o comune
lucio guerra
Moderatore Forum Tutto PA
lucioguerrainfo@gmail.com
Avatar utente
lucio guerra
 
Messaggi: 6005
Iscritto il: 31/12/2014, 12:52
Località: Fratte Rosa

Re: fallimento impresa

Messaggioda davide79 » 12/11/2021, 9:23

L'IMU maturata nel periodo endofallimentare è IMU ordinaria, l'unica deroga prevista riguarda il termine di versamento, che come noto è 3 mesi dal decreto del trasferimento.

E' quindi un versamento ordinario in tutto e per tutto, per cui segue le disposizioni ordinarie e l'imposta maturata per fabbricati D va suddivisa tra Stato e Comune.
davide79
 
Messaggi: 470
Iscritto il: 08/01/2015, 18:22

Re: fallimento impresa

Messaggioda gabriele » 12/11/2021, 13:54

Ringrazio entrambi per l'aiuto!
gabriele
 
Messaggi: 193
Iscritto il: 13/01/2015, 12:37

Re: fallimento impresa

Messaggioda SELECT » 25/11/2021, 11:28

Buongiorno,
ho visto il quesito formulato dal collega ma anch'io ho questo dubbio...
Se trattasi di fabbricato D, ed era già stato notificato in precedenza avviso di accertamento al curatore,
non si potrebbe calcolare L'IMU maturata nel periodo endofallimentare ( ok IMU ordinaria senza le sanzioni e interessi dell'accertamento) solo con il codice comunale 3930?
L'ufficio, ai sensi dell'art. 1 comma 380 lettera f legge 228 /2012, ha svolto, a tutti gli effetti, attività di accertamento su un fabbricato D e pertanto avrebbe diritto ad incassare anche la quota erariale....
In passato mi sono capitati casi simile a quello del collega e ho comunicato al curatore l'imu ordinaria con il solo codice comunale 3930 (perché in precedenza avevo già notificato degli avvisi accertamento prima ancora che venisse comunicato il fallimento).
Non è una differenza da poco....la quota erariale incide tantissimo, è il "premio" dell'attività svolta dai comuni per conto dell 'erario, la regola dovrebbe valere anche per i fallimenti ...i comuni perdono tempo in "scartofie" con i tribunali/curatori/portale fallco...ecc ecc ... e poi rimangono solo le briciole?
(scusate il mio tono non vuole essere polemico è solo una considerazione)
SELECT
 
Messaggi: 9
Iscritto il: 11/06/2020, 14:33

Re: fallimento impresa

Messaggioda davide79 » 25/11/2021, 13:37

SELECT ha scritto:Buongiorno,
ho visto il quesito formulato dal collega ma anch'io ho questo dubbio...
Se trattasi di fabbricato D, ed era già stato notificato in precedenza avviso di accertamento al curatore,
non si potrebbe calcolare L'IMU maturata nel periodo endofallimentare ( ok IMU ordinaria senza le sanzioni e interessi dell'accertamento) solo con il codice comunale 3930?
L'ufficio, ai sensi dell'art. 1 comma 380 lettera f legge 228 /2012, ha svolto, a tutti gli effetti, attività di accertamento su un fabbricato D e pertanto avrebbe diritto ad incassare anche la quota erariale....
In passato mi sono capitati casi simile a quello del collega e ho comunicato al curatore l'imu ordinaria con il solo codice comunale 3930 (perché in precedenza avevo già notificato degli avvisi accertamento prima ancora che venisse comunicato il fallimento).
Non è una differenza da poco....la quota erariale incide tantissimo, è il "premio" dell'attività svolta dai comuni per conto dell 'erario, la regola dovrebbe valere anche per i fallimenti ...i comuni perdono tempo in "scartofie" con i tribunali/curatori/portale fallco...ecc ecc ... e poi rimangono solo le briciole?
(scusate il mio tono non vuole essere polemico è solo una considerazione)




L'IMU endofallimentare è un versamento ordinario, il cui credito è un credito della procedura e quindi in prededuzione, e cambia solo la scadenza (i famosi tre mesi dalla data di trasferimento). Segue quindi le regole ordinarie (quota stato e quota comune). E' di fatto un versamento in "autoliquidazione" da parte del curatore, tu non devi fare alcun accertamento.

L'IMU, invece, maturata precedentemente alla data del fallimento, i cui avvisi di accertamento emessi dal comune sono stati insinuati nel passivo fallimentare, in quanto accertamenti, il gettito che mai dovesse arrivare dalla ripartizione dell'attivo, va al comune.
davide79
 
Messaggi: 470
Iscritto il: 08/01/2015, 18:22


Torna a Tributi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 15 ospiti

Paolo Gros

Esperienza come funzionario di un ente comunale. Tra gli ideatori e gestori del blog “Gli enti locali – Paolo Gros, Lucio Guerra e Marco Lombardi on web”.

Lucio Guerra

Responsabile Tributi e Informatica di una Unione di Comuni. Tra i gestori e moderatori del forum “Gli enti locali – Paolo Gros, Lucio Guerra e Marco Lombardi on web”.

Marco Sigaudo

Opera nel settore della PA da oltre 15 anni, l’esperienza acquisita è confluita all’interno di Studio Sigaudo s.r.l., società che offre servizi ad ampio spettro all’Ente.

cron