Rimborso IMU per ruralità

Rimborso IMU per ruralità

Messaggioda mafalda rossi » 30/04/2021, 13:25

E' pervenuta da parte di un contribuente istanza di rimborso IMU versata negli ultimi 5 anni su immobili per i quali il catasto ha riconosciuto la ruralità, specificando altresì che gli stessi sono utilizzati nell'ambito dell'attività condotta dallo stesso come IAP (non allegando nulla)

Dalla visura storica effettuata per gli immobili l'annotazione della ruralità così recita: dichiarata sussistenza dei requisiti di ruralità ex art. 2 comma 6 dm 26/07/2012, con richiesta prot. n______ del 20/08/2020- dichiarata sussistenza dei requisiti di ruralità ex art. 2 comma 6 dm 26/07/2021 con richiesta prot. ___ del 05/10/2018

E' corretto prenderla in esame da ottobre 2018 in poi?
mafalda rossi
 
Messaggi: 423
Iscritto il: 09/01/2015, 10:46

Re: Rimborso IMU per ruralità

Messaggioda Kaleb » 30/04/2021, 19:27

Essendo una richiesta non presentata entro il termine di regolarizzazione del D.L. 201/2011 (se non ricordo male il 31/10/2012), che permetteva la retrodatazione degli effetti di 5 anni, e considerato che deve essere presentata entro 30 giorni da quando ha acquisito la ruralità in base all'art. 2, comma 6, DM 26/07/2012, ritengo che possa applicarsi dalla data della richiesta, in mancanza di altre iscrizioni catastali precedenti. Hai modo di verificare che si tratti di un imprenditore agricolo professionale tramite CCIAA o anagrafe regionale delle aziende agricole?
Kaleb
 
Messaggi: 617
Iscritto il: 08/07/2018, 15:56

Re: Rimborso IMU per ruralità

Messaggioda mafalda rossi » 03/05/2021, 8:39

Kaleb ha scritto:Essendo una richiesta non presentata entro il termine di regolarizzazione del D.L. 201/2011 (se non ricordo male il 31/10/2012), che permetteva la retrodatazione degli effetti di 5 anni, e considerato che deve essere presentata entro 30 giorni da quando ha acquisito la ruralità in base all'art. 2, comma 6, DM 26/07/2012, ritengo che possa applicarsi dalla data della richiesta, in mancanza di altre iscrizioni catastali precedenti. Hai modo di verificare che si tratti di un imprenditore agricolo professionale tramite CCIAA o anagrafe regionale delle aziende agricole?


Tramite il servizio TELEMACO? si posso verificare nel qual caso?
mafalda rossi
 
Messaggi: 423
Iscritto il: 09/01/2015, 10:46

Re: Rimborso IMU per ruralità

Messaggioda lucio guerra » 03/05/2021, 14:29

La Cassazione, con l’ordinanza n. 2803/2019, in primo luogo, ha ribadito l'orientamento prevalente di legittimità che dà rilievo alle risultanze catastali, sicché il fabbricato potrà beneficiare delle agevolazioni Imu solo se la ruralità è stata riconosciuta dal Catasto, mediante l'attribuzione della corrispondente categoria catastale (D/10 o A/6) o mediante l'inserimento della specifica annotazione (Dl 70/2011) che attestante la sussistenza dei requisiti di ruralità, a nulla rilevando la circostanza che di fatto il fabbricato rispetti comunque i requisiti di ruralità previsti dalla normativa di riferimento (articolo 9, commi 3 e 3-bis del Dl 557/1993).

Questo orientamento non è stato smontato dal successivo intervento normativo (Dl 70/2011) che ha dato la possibilità ai contribuenti di presentare una domanda per la variazione della categoria catastale, dato che la domanda era rivolta proprio a ottenere l'accatastamento in categoria rurale, confermando quindi la rilevanza dell'attribuzione della specifica categoria catastale. Le domande di variazione, poi, esplicano effetti retroattivi quinquennali, in base alla successiva norma di interpretazione autentica (Dl 102/2013), solo se presentate nei termini e solo se accolte, mediante l'inserimento negli atti catastali della specifica annotazione. In altri termini, la presentazione della dichiarazione di variazione, pur nei termini, cui non è conseguito l'inserimento negli atti catastali dell'annotazione, non produce alcun effetto ai fini Imu, non essendo, peraltro, ipotizzabile neanche un
meccanismo di silenzio assenso. In questo caso, data la vincolatività del dato catastale, è onere del contribuente impugnare il silenzio dell'Agenzia delle entrate.

L’orientamento della Corte

La Corte ha effettuato anche una ricognizione della giurisprudenza di legittimità che si è già occupata delle domande di variazione in base al Dl 70/2011, richiamando la sentenza n. 23015/2016 che ha trattato l'ipotesi di variazione catastale mediante procedura Docfa presentata prima dell'entrata in vigore del decreto n. 70, ritendo che in quella ipotesi non si verifica l'effetto retroattivo. Conforme, è peraltro anche la sentenza n. 4244/2018, che ribadisce che la variazione catastale presentata mediante procedura Docfa non ha «i requisiti e il contenuto necessari per ottenere l'efficacia retroattiva richiesta, in quanto effettuata antecedentemente alla disciplina dettata dal D.L. n. 70/2011», mentre la sentenza n. 12659/2017, con riferimento al riconoscimento della ruralità ottenuto mediante presentazione del Docfa, ha precisato che tale variazione non è assistita dall'efficacia retroattiva quinquennale” prevista dal decreto 70.

Il caso deciso

Nel caso della sentenza in commento, invece, il contribuente ha presentato la domanda di variazione in base al Dl n. 70/2011 successivamente ai termini di scadenza previsti, sicché, ad avviso della Cassazione, nessun effetto retroattivo può operare, qualificandosi il termine come perentorio.

Anzi, a ben vedere, in caso di richiesta di variazione della ruralità presentata successivamente al termine previsto dal Dl n. 70, non trattandosi di variazione conseguente a interventi edilizi, questa esplica effetti ai fini Imu solo dal 1° gennaio dell'anno successivo a quello di presentazione.
lucio guerra
Moderatore Forum Tutto PA
lucioguerrainfo@gmail.com
Avatar utente
lucio guerra
 
Messaggi: 5748
Iscritto il: 31/12/2014, 12:52
Località: Fratte Rosa

Re: Rimborso IMU per ruralità

Messaggioda lucio guerra » 03/05/2021, 14:36

- ENTRO IL 30-09-2012 - Variazioni Catastali
- ENTRO IL 30-11-2012 - Nuovi Accatastamenti

successivamente a tali date di retroattivo non c'è proprio nulla

Anzi, a ben vedere, in caso di richiesta di variazione della ruralità presentata successivamente al termine previsto dal Dl n. 70, non trattandosi di variazione conseguente a interventi edilizi, questa esplica effetti ai fini Imu solo dal 1° gennaio dell'anno successivo a quello di presentazione.
lucio guerra
Moderatore Forum Tutto PA
lucioguerrainfo@gmail.com
Avatar utente
lucio guerra
 
Messaggi: 5748
Iscritto il: 31/12/2014, 12:52
Località: Fratte Rosa


Torna a Tributi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot], Majestic-12 [Bot] e 12 ospiti

Paolo Gros

Esperienza come funzionario di un ente comunale. Tra gli ideatori e gestori del blog “Gli enti locali – Paolo Gros, Lucio Guerra e Marco Lombardi on web”.

Lucio Guerra

Responsabile Servizi Associati di una Unione Montana di Comuni. Tra i gestori e moderatori del forum “Gli enti locali – Paolo Gros, Lucio Guerra e Marco Lombardi on web”.

Marco Sigaudo

Opera nel settore della PA da oltre 15 anni, l’esperienza acquisita è confluita all’interno di Studio Sigaudo s.r.l., società che offre servizi ad ampio spettro all’Ente.