Sentenza n. 80/2021: effetti su bilancio e rendiconto

Sentenza n. 80/2021: effetti su bilancio e rendiconto

Messaggioda Mtiziana » 01/05/2021, 19:39

Con sentenza n. 80/2021, depositata il 29 aprile 2021, la Corte Costituzionale ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 39-ter, commi 2 e 3, del decreto-legge 30 dicembre 2019, n. 162.....
E ora??
Mtiziana
 
Messaggi: 29
Iscritto il: 02/01/2015, 18:46

Re: Sentenza n. 80/2021: effetti su bilancio e rendiconto

Messaggioda salvino » 03/05/2021, 13:19

Espongo la mia situazione sperando che qualcuno possa essermi di aiuto: io non ho problemi di disavanzo per FAL, perchè ho chiesto anticipazione solo nel 2020. A rendiconto ora mi accantono la mia quota di avanzo in corrispondenza della anticipazione ricevuta e per il 2020 non muovo foglia (tranne la previsione degli interessi di preammortamento). Ma dal 2021 devo iniziare a restituire quota capitale. Posso finanziarmi il rimborso della quota capitale con avanzo vincolato a titolo di FAL o no? Sono confusa ... io ritengo di si perchè questa sentenza riguarda chi ha disavanzo da FAL (per anticipazioni chieste ed ottenute negli anni precedenti il cui avanzo vincolato era stato utilizzato per coprire il FCDE). Ma venendo meno il meccanismo di neutralizzazione previsto dalla normativa giudicata incostituzionale, posso applicare avanzo vincolato nel pluriennale? Grazie a chi vorrà rispondermi
Se una scrivania in disordine è segno di una mente disordinata, di cosa sarà segno allora una scrivania vuota?
(Albert Einstein)
salvino
 
Messaggi: 494
Iscritto il: 08/01/2015, 9:12

Re: Sentenza n. 80/2021: effetti su bilancio e rendiconto

Messaggioda ragioneria81 » 03/05/2021, 20:17

Mtiziana ha scritto:Con sentenza n. 80/2021, depositata il 29 aprile 2021, la Corte Costituzionale ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 39-ter, commi 2 e 3, del decreto-legge 30 dicembre 2019, n. 162.....
E ora??



io ho chiuso il 2020 con un importante disavanzo da fal ed approvato il piano di rientro
Ultima modifica di ragioneria81 il 04/05/2021, 10:49, modificato 1 volta in totale.
ragioneria81
 
Messaggi: 112
Iscritto il: 14/05/2015, 9:19

Re: Sentenza n. 80/2021: effetti su bilancio e rendiconto

Messaggioda salvino » 04/05/2021, 9:59

salvino ha scritto:Espongo la mia situazione sperando che qualcuno possa essermi di aiuto: io non ho problemi di disavanzo per FAL, perchè ho chiesto anticipazione solo nel 2020. A rendiconto ora mi accantono la mia quota di avanzo in corrispondenza della anticipazione ricevuta e per il 2020 non muovo foglia (tranne la previsione degli interessi di preammortamento). Ma dal 2021 devo iniziare a restituire quota capitale. Posso finanziarmi il rimborso della quota capitale con avanzo vincolato a titolo di FAL o no? Sono confusa ... io ritengo di si perchè questa sentenza riguarda chi ha disavanzo da FAL (per anticipazioni chieste ed ottenute negli anni precedenti il cui avanzo vincolato era stato utilizzato per coprire il FCDE). Ma venendo meno il meccanismo di neutralizzazione previsto dalla normativa giudicata incostituzionale, posso applicare avanzo vincolato nel pluriennale? Grazie a chi vorrà rispondermi


Ovviamente ho indicato in modo errato gli anni .... non muovo foglia nel 2021 ed il problema di utilizzare avanzo per coprire restituzione quota capitale dell'anticipazione si pone dapprima per il 2022. Mi rispondete?
Se una scrivania in disordine è segno di una mente disordinata, di cosa sarà segno allora una scrivania vuota?
(Albert Einstein)
salvino
 
Messaggi: 494
Iscritto il: 08/01/2015, 9:12

Re: Sentenza n. 80/2021: effetti su bilancio e rendiconto

Messaggioda Mtiziana » 04/05/2021, 22:44

Il caos sul fondo anticipazioni liquidità manda al buio consuntivi e preventivi
Il caos delle regole sulla gestione contabile del Fondo anticipazione liquidità
manda al buio secondo le prime stime i bilanci in un migliaio di enti. Gli
effetti della decisione della Consulta (sentenza 80/2021; si veda NT+ Enti
locali & edilizia di venerdì) sono prodotti dai contenuti della sentenza ma
anche dal calendario. Perché la ribocciatura costituzionale arriva a un mese
dal termine per la chiusura di rendiconti 2020 e preventivi 2021/23, peraltro
appena spostati in extremis al 31 maggio dal decreto proroghe approvato
sempre giovedì scorso. L'allarme riguarda non solo gli enti in dissesto e
predissesto, ma tutte le amministrazioni che a suo tempo hanno ricevuto
un'anticipazione di liquidità consistente e l'hanno utilizzata per accantonare
il fondo crediti dubbia esigibilità, e hanno quindi dovuto affrontare la doppia
bocciatura costituzionale. Le norme giudicate illegittime giovedì scorso
erano nate infatti per adeguarsi alla sentenza 4/2020 che aveva cancellato le
regole originarie. E il continuo botta e risposta fra Mef e Consulta complica
anche la strada per un nuovo correttivo, che i tecnici delle amministrazioni
locali hanno iniziato subito a invocare. Perché la dichiarazione di illegittimità
cancella le norme dall'ordinamento. E senza norme il rischio è di dover mettere in piedi un recupero immediato del
disavanzo extra creato dal primo aggiustamento del 2020. La sentenza ha colpito l'articolo 39-ter, commi 2 e 3 del Dl
162/2019. Nello specifico viene meno la norma sul ripiano dell'ulteriore disavanzo emerso al 31 dicembre 2019 per
l'incremento dell'accantonamento al Fal (precedentemente utilizzato per l'Fcde). Cade dunque la possibilità, dal
2020, di rientrare del disavanzo per un importo pari all'ammontare dell'anticipazione rimborsata nell'esercizio.
Secondo la Corte, la previsione genera un effetto perturbatore degli equilibri di bilancio fin dal 2020, alterando i saldi
e consentendo di celare parte delle passività emerse con la corretta appostazione del Fal. Per i giudici, non essendo
necessaria la riapprovazione dei bilanci antecedenti alla pronuncia, non era necessario alcun intervento normativo,
mentre dovevano essere ridefinite tutte le espressioni finanziarie patologiche prodotte nel tempo, applicando a
ciascuna di esse i rimedi giuridici consentiti. Doveva essere ricalcolato il risultato di amministrazione secondo i
canoni di legge, applicando per i deficit extra le norme vigenti nel corso dell'esercizio di riferimento. In sostanza per i
giudici la norma illegittima introduceva una deroga alle regole ordinarie di ripiano del maggior disavanzo, dilatando i
tempi di rientro dal deficit. La regola fisiologica del rientro dal disavanzo secondo la Corte Costituzionale è quella del
ripiano annuale, o al massimo triennale, comunque non superiore allo scadere del mandato elettorale. Nel caos
anche i bilanci di previsione per la cancellazione della regola sulla contabilizzazione delle anticipazioni di liquidità in
bilancio. È infatti soppressa la norma che consente di utilizzare il Fal fino al suo esaurimento per rimborsare
l'anticipazione.
ntplusentilocaliedilizia.ilsole24ore.com
Tributi, bilanci e finanza locale
Mtiziana
 
Messaggi: 29
Iscritto il: 02/01/2015, 18:46


Torna a Finanziario

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 16 ospiti

Paolo Gros

Esperienza come funzionario di un ente comunale. Tra gli ideatori e gestori del blog “Gli enti locali – Paolo Gros, Lucio Guerra e Marco Lombardi on web”.

Lucio Guerra

Responsabile Servizi Associati di una Unione Montana di Comuni. Tra i gestori e moderatori del forum “Gli enti locali – Paolo Gros, Lucio Guerra e Marco Lombardi on web”.

Marco Sigaudo

Opera nel settore della PA da oltre 15 anni, l’esperienza acquisita è confluita all’interno di Studio Sigaudo s.r.l., società che offre servizi ad ampio spettro all’Ente.