qualifica di messo notificatore

qualifica di messo notificatore

Messaggioda nebbia » 19/01/2016, 22:43

Salve a tutti, in un comune con popolazione inferiore a 5000 abitanti, possono essere attribuite agli agenti di polizia locale le funzioni di messo notificatore facendo svolgere quotidianamente al personale di pl le mansioni di messo notificatore? oppure si configura un demansionamento?
Grazie a tutti
nebbia
 
Messaggi: 41
Iscritto il: 28/01/2015, 16:33

Re: qualifica di messo notificatore

Messaggioda Paolo Gros » 20/01/2016, 8:47

e' possibile la coesistenza in rapporto alle dimensioni demografiche dell'ente
Paolo Gros
Moderatore Forum Tutto Pa

paologros1958@libero.it
paologros1958@gmail.com
Paolo Gros
 
Messaggi: 9429
Iscritto il: 02/01/2015, 8:57

Re: qualifica di messo notificatore

Messaggioda carlomagno » 20/01/2016, 14:03

DEVONO COMUNQUE AVER SVOLTO ESAME CON ESITO POSITIVO
carlomagno
 
Messaggi: 511
Iscritto il: 02/01/2015, 15:19

Re: qualifica di messo notificatore

Messaggioda themis » 22/01/2016, 12:36

E chi è già messo comunale (non notificatore) da anni? Deve (doveva) svolgere un corso anch'egli. Sull'argomento i segretari comunali interpellati non sono concordi.
Che ne dite?
L'obbligo del corso è stato istituito nel 2006 o 2007, non ricordo con esatttezza, ma con una legge finanziaria (o di stabilità che dir si voglia) ma parla di notifiche tributarie inoltre non specifica nulla per i già messi di allora.
themis
 
Messaggi: 109
Iscritto il: 18/01/2015, 15:18

Re: qualifica di messo notificatore

Messaggioda AgenteCC » 22/01/2016, 18:48

Non è possibile

Messi notificatori e operatori di polizia municipale
CIR 4/7/1992 n.7/92 Ministero dell'interno
^ up

Indirizzi omessi.

Sono pervenute a questo Ministero da parte delle associazioni rappresentative del personale della polizia municipale numerose richieste di intervento volte a far cessare 1'espletamento delle mansioni di messo notificatore agli addetti al servizio di polizia municipale, in considerazione dell’incompatibilità delle medesime con quelle connesse alla figura professionale di vigile urbano.
La questione su esposta non e nuova a questo Ministero poiché è emersa in seguito all'entrata in vigore della legge-quadro 7 marzo 1986, n. 65, che, nel ridefinire i1 ruolo della polizia municipale, ha attribuito agli addetti al servizio l’'esercizio anche delle funzioni ausiliarie di pubblica sicurezza per le quali è conferita loro, con decreto prefettizio, la qualità di agente di pubblica sicurezza.
In più occasioni questo dicastero direttamente interessato, si è espresso nel senso che il personale appartenente alla polizia municipale non è tenuto a svolgere le mansioni di messo notificatore atteso che tali mansioni, in base alle declaratorie di cui all'allegato A) al decreto del Presidente della Repubblica 25 giugno 1983, n. 347, si riferiscono ai dipendenti comunali appartenenti alla quarta e non alla quinta qualifica funzionale nella quale sono inquadrati i vigili urbani.
Tuttavia, non può sottacersi che 1’assenza di una precisa descrizione dei profili professionali di ciascuna categoria del personale degli enti locali ha indotto le amministrazioni ad indugiare sulla applicazione della normative richiamata e ciò è avvenuto in particolare nei comuni di minori dimensioni che soggiacciono più di altri alle difficoltà derivanti dalla vigente normative in tema di provvista di mezzi finanziari da destinare a nuove assunzioni.
Ciò posto, si rileva che la questione in argomento ha trovato definitiva soluzione con 1'entrata in vigore della legge 8 giugno 1990, n. 142, concernente il nuovo ordinamento delle autonomie locali il cui articolo 64 ha abrogato, come e noto, l’articolo 273 del T.U.L.C.P. n. 383/1934 che attribuiva al prefetto 1'emanazione del decreto di nomina a messo notificatore sia in capo ai vigili urbani che ad altro personale comunale.
Per effetto di tale abrogazione si ritiene che i decreti prefettizi di nomina, emessi prima dell'entrata in vigore della citata legge n. 142/1990, non possano più legittimare 1'esercizio delle funzioni di messo notificatore per alcuno dei dipendenti delle amministrazioni comunali e conseguentemente tali funzioni debbono considerarsi definitivamente cessate, fatte salve le competenze delle regioni a statuto speciale e delle province autonome di Trento e Bolzano.
Si è dell'avviso, altresì, che la materia debba costituire oggetto delle norme statutarie degli enti stessi e che nelle more della sua definizione in sede di statuto, qualora si rendesse necessario notificare degli atti, sia il sindaco ad individuare i dipendenti comunali di quarta qualifica funzionale ai quali affidare 1'incarico di messo notificatore, secondo le indicazioni già fornite al riguardo con circolare telegrafica di questo Ministero - Direzione centrale delle autonomie, prot.ocollo 98/L bis - L - 142/90, in data 7 febbraio 1992.
Indirizzi omessi.
Sono pervenute a questo Ministero da parte delle associazioni rappresentative del personale della polizia municipale numerose richieste di intervento volte a far cessare 1'espletamento delle mansioni di messo notificatore agli addetti al servizio di polizia municipale, in considerazione dell’incompatibilità delle medesime con quelle connesse alla figura professionale di vigile urbano.
La questione su esposta non e nuova a questo Ministero poiché è emersa in seguito all'entrata in vigore della legge-quadro 7 marzo 1986, n. 65, che, nel ridefinire i1 ruolo della polizia municipale, ha attribuito agli addetti al servizio l’'esercizio anche delle funzioni ausiliarie di pubblica sicurezza per le quali è conferita loro, con decreto prefettizio, la qualità di agente di pubblica sicurezza.
In più occasioni questo dicastero direttamente interessato, si è espresso nel senso che il personale appartenente alla polizia municipale non è tenuto a svolgere le mansioni di messo notificatore atteso che tali mansioni, in base alle declaratorie di cui all'allegato A) al decreto del Presidente della Repubblica 25 giugno 1983, n. 347, si riferiscono ai dipendenti comunali appartenenti alla quarta e non alla quinta qualifica funzionale nella quale sono inquadrati i vigili urbani.
Tuttavia, non può sottacersi che 1’assenza di una precisa descrizione dei profili professionali di ciascuna categoria del personale degli enti locali ha indotto le amministrazioni ad indugiare sulla applicazione della normative richiamata e ciò è avvenuto in particolare nei comuni di minori dimensioni che soggiacciono più di altri alle difficoltà derivanti dalla vigente normative in tema di provvista di mezzi finanziari da destinare a nuove assunzioni.
Ciò posto, si rileva che la questione in argomento ha trovato definitiva soluzione con 1'entrata in vigore della legge 8 giugno 1990, n. 142, concernente il nuovo ordinamento delle autonomie locali il cui articolo 64 ha abrogato, come e noto, l’articolo 273 del T.U.L.C.P. n. 383/1934 che attribuiva al prefetto l'emanazione del decreto di nomina a messo notificatore sia in capo ai vigili urbani che ad altro personale comunale.
Per effetto di tale abrogazione si ritiene che i decreti prefettizi di nomina, emessi prima dell'entrata in vigore della citata legge n. 142/1990, non possano più legittimare 1'esercizio delle funzioni di messo notificatore per alcuno dei dipendenti delle amministrazioni comunali e conseguentemente tali funzioni debbono considerarsi definitivamente cessate, fatte salve le competenze delle regioni a statuto speciale e delle province autonome di Trento e Bolzano.
Si è dell'avviso, altresì, che la materia debba costituire oggetto delle norme statutarie degli enti stessi e che nelle more della sua definizione in sede di statuto, qualora si rendesse necessario notificare degli atti, sia il sindaco ad individuare i dipendenti comunali di quarta qualifica funzionale ai quali affidare l'incarico di messo notificatore, secondo le indicazioni già fornite al riguardo con circolare telegrafica di questo Ministero - Direzione centrale delle autonomie, protocollo 98/L bis - L - 142/90, in data 7 febbraio 1992.
AgenteCC
 

Re: qualifica di messo notificatore

Messaggioda MICOL » 26/04/2019, 16:51

quindi in definitiva i vigili possono essere messi ?
devono fare un esame ?
basta il decreto di nomina del sindaco o bisogna prevederlo nello statuto?

lo chiedo anche in virtù dell'art 70 quinquies del CNNL 21/5/18 ar 2 lett d che prevede l'indennità di € 350 per le funzioni di ufficiale giudiziario attribuite ai messi notificatori : spettano ai vigili?
MICOL
 
Messaggi: 606
Iscritto il: 12/01/2015, 10:25


Torna a Polizia locale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

Paolo Gros

Funzionario di un ente comunale. Tra gli ideatori e gestori del blog “Gli enti locali – Paolo Gros, Lucio Guerra e Marco Lombardi on web”.  Scarica CV >

Lucio Guerra

Responsabile Servizi Associati di una Unione Montana di Comuni. Tra i gestori e moderatori del forum “Gli enti locali – Paolo Gros, Lucio Guerra e Marco Lombardi on web”.  Scarica CV >

Marco Sigaudo

Opera nel settore della PA da oltre 15 anni, l’esperienza acquisita è confluita all’interno di Studio Sigaudo s.r.l. tramite la quale è in grado di offrire servizi ad ampio spettro all’Ente.  Scarica CV >