Da Paweb: Speciale conto annuale del personale 2018

Da Paweb: Speciale conto annuale del personale 2018

Messaggioda Moderatore Tutto PA » 28/05/2019, 13:27

A seguito dell’emanazione della circolare 16 maggio 2019, n. 15 della Ragioneria Generale dello Stato, “Conto annuale del personale 2018”, analizziamo gli aspetti più critici circa le novità introdotte.

- Doppio calcolo per la dichiarazione sul limite al trattamento accessorio

In materia di contrattazione integrativa decentrata all’interno del conto annuale per il 2018 non mancano le novità. La Ragioneria Generale dello Stato ha emanato la circolare 16 maggio 2019, n. 15 che contiene le istruzioni per l’acquisizione nel sistema informativo SICO dei dati di organico e di spesa del personale dipendente dalle pubbliche amministrazioni per l’anno 2018, e riscrive la Tabella 15 inerente la costituzione del fondo del trattamento accessorio, rivedendo la scheda «SICI» contenente i dati di monitoraggio della contrattazione aziendale alla luce di quanto previsto dal CCNL 21 maggio 2018 relativo al personale del comparto funzioni locali per il triennio 2016-2018. In primo luogo, ciascun ente avrà l’obbligo di dichiarazione del limite al trattamento accessorio, ai sensi dell’art. 23, co. 2 del D.Lgs. n. 75/2017. Il parametro di riferimento è il 2016 e per la sua determinazione, anche per il succedersi di diverse e differenti interpretazioni da parte delle varie sezioni regionali di controllo della Corte dei conti, la questione è ancora poco chiara. Lo stesso conto annuale spiega qualcosa ma lascia in sospeso altri aspetti.

Sia nella Scheda SICI che nelle istruzioni, la circolare spiega che il limite del 2016 deve essere determinato sommando alcuni valori:
– enti con dirigenza: fondo delle risorse decentrate + fondo del lavoro straordinario;
– enti senza la dirigenza: fondo delle risorse decentrate + più fondo del lavoro straordinario + somme stanziate per le posizioni organizzative.

A questo proposito, sono necessarie due precisazioni. La prima è che nel 2016 gli enti con la dirigenza avevano ancora l’istituto delle posizioni organizzative finanziato all’interno del fondo del trattamento accessorio. Situazione modificata dal CCNL 21 maggio 2018 che ha estrapolato le poste dal fondo e le ha stanziate a bilancio, come da sempre accade negli enti senza la dirigenza. La seconda è che la necessità di includere il fondo dello straordinario nel limite del trattamento accessorio dipende dal fatto che il nuovo CCNL ha previsto espressamente la possibilità di «spostare» somme dal medesimo fondo alla parte stabile delle risorse decentrate. Inserendo lo straordinario nel tetto, quindi, si viene a creare un meccanismo di invarianza complessiva del limite.

Circa le altre poste del trattamento accessorio non ricomprese all’interno delle disposizioni contrattuali, tra le quali, per esempio, le somme corrisposte al Segretario comunale quale maggiorazione della retribuzione di posizione e la retribuzione di risultato o le somme corrisposte ai dipendenti incaricati in base all’art. 110 del D.Lgs. n. 267/2000, la Ragioneria generale dello Stato, nella circolare in commento, rimanda la questione affermando che, poiché «la materia è in evoluzione in relazione a precisazioni rese dalla Corte dei conti, si è ritenuto di rinviare ad altre sedi una puntuale elencazione» delle varie voci.

- Monitoraggio delle posizioni organizzative
Dopo le novità introdotte dal CCNL 21 maggio 2018, la rendicontazione sulle spese di personale delle pubbliche amministrazioni si è adeguata al fatto che i valori della retribuzione di posizione e di risultato sono ricompresi nel tetto del trattamento accessorio previsto dall’art. 23, co. 2 del D.Lgs. n. 75/2017. Per questo, nel conto annuale per il personale 2018 vengono chieste informazioni su quanto l’ente ha stanziato per l’istituto e sull’utilizzo di tali somme e, per la prima volta, nella Tabella 15 compare una sezione speciale denominata «Posizioni organizzative (bilancio)». Tali somme non vengono più prelevate dal fondo del trattamento accessorio ma costituiscono, per tutti gli enti, stanziamenti di bilancio.

Nella sezione di sinistra della Tabella 15 bisogna riportare le somme destinate all’istituto nel 2017. Di conseguenza, le altre due voci sono quelle destinate a monitorare se l’ente, nell’anno della rilevazione, ha aumentato o diminuito il valore dell’anno 2017. Per rimanere nel «tetto» dell’anno 2016, l’utilizzo di tale possibilità deve essere compensato da medesime valorizzazioni sulle altre poste del fondo e, infatti, all’interno della sezione «Decurtazioni», è stata inserita anche la voce «Decurtazione somme destinate alle p.o.», per garantire l’invarianza nel rispetto del limite complessivo.

Nella sezione a destra della Tabella 15 vengono, invece, raccolte le modalità di utilizzo per le quali ci sono tre caselle di compilazione. La parte più importante è costituita dalla retribuzione di posizione che, per le categorie D, può variare da 5mila a 16.000 euro.

Poi vanno indicate la quota della retribuzione di risultato che non può essere inferiore al 15% dell’intera somma destinata alle posizioni organizzative e le somme erogate per «interim» quando una p.o. sostituisce un suo collega. In questo caso, la maggiorazione che viene riconosciuta varia dal 15 al 25% della posizione sostituita.

- Sotto esame l’incremento dello 0,20% del monte salari 2001
Con il conto annuale del personale 2018 si affronta anche un’altra situazione in sospeso: nella scheda «SICI», infatti, è chiesto alle amministrazioni locali come si sono comportate sulla questione dello «0,20% del monte salari 2001».

Il CCNL 22 gennaio 2004 aveva previsto, all’art. 31, co. 7, che tutti gli enti calcolassero e stanziassero nella parte stabile del fondo un importo pari allo 0,20% del monte salari 2001, da utilizzare solo per finanziare la retribuzione di posizione e di risultato dei dipendenti incaricati di alta professionalità. Negli altri casi, l’importo avrebbe dovuto essere accantonato in attesa di sviluppi futuri. L’art. 67, co. 1 del CCNL 21 maggio 2018 ha previsto che nell’unico importo consolidato del nuovo fondo delle risorse decentrate confluisca la quota di questo 0,20%. Poiché gli enti nella maggior parte dei casi non hanno mai stanziato le somme, ci si è trovati in difficoltà a gestire la situazione. Secondo l’Aran, con il parere 8 ottobre 2018, n. 7, se l’ente non ha mai stanziato lo 0,20% non può automaticamente inserirlo nell’unico importo consolidato, ma nulla vieta che, in caso di «errore» nella costituzione del fondo, si proceda con i principi di correttezza e buona fede alla sua rideterminazione.

Il conto annuale chiede agli enti tra informazioni sull’argomento. La prima riguarda l’indicazione, in euro, dell’ammontare dell’importo dello 0,20% del monte salari 2001 non ricompreso nell’importo unico consolidato 2017 di cui all’art. 67, co. 1 del CCNL 21 maggio 2018. Poi viene chiesto se il valore è stato inserito, previo parere positivo dell’organo di revisione, all’interno del fondo 2017. Infine, viene verificato, di conseguenza, se è stato modificato il limite previsto dall’art. 23, co. 2 del D.Lgs. n. 75/2017 «secondo le indicazioni del Mef».

Dal tipo di domande poste ma si presume che l’eventuale inserimento nel limite del 2016 è sicuramente ammesso a condizione, però, che il valore venga decurtato della medesima percentuale di riduzione applicata al fondo, in base all’art. 1, co. 456 della L. n. 147/2003, per rendere il dato attuale e omogeneo.

Fonte: Redazione Paweb – Samantha Cerritelli, 23/05/2019
Moderatore Tutto PA
Moderatore Tutto PA
 
Messaggi: 1503
Iscritto il: 08/01/2015, 10:22

sistemazione importo 0.2 MS 2001

Messaggioda anemos » 05/06/2019, 13:04

Buongiorno,
in relazione alla questione dello 0.2 MS 2001 io ho diversi dubbi su come risolverla...

Oggi facendo il conto annuale ho effettivamente visto che hanno inserito una serie di domande:

- Valore 0,20% del monte salari dell'anno 2001 di cui all'art. 32 c. 7 del Ccnl 22.1.2004 non ricompreso nel fondo certificato del 2017 ai fini del computo nell'unico importo 2017 di cui all'art. 67, c. 1 del Ccnl 22.5.2018: OK L'IMPORTO CE L'HO

- L'importo di cui all'art. 32, c. 7 Ccnl 22.1.2004, inizialmente escluso dal fondo 2017, vi è stato ricompreso, previa certificazione del Collegio dei revisori dei conti, secondo le indicazioni dell'ARAN (S/N)?

- Il limite 2016 di cui all'art. 23 c. 2 del Dlgs 75/2017 è stato rettificato includendo il valore di cui all'rt. 32 c. 7 del Ccnl 22.1.2004 secondo le indicazioni del MEF (S/N)?

Rispetto alla seconda e terza domanda non mi è ben chiaro come devo muovermi per rettificare i valori del 2016 e 2017 e soprattutto rideterminare il limite 2016.

A parte la questione di merito sul calcolo, va chiesta la riapertura dei fondi alla Ragioneria?
Vanno fatti degli atti per rettificare i fondi?

Grazie,
Manuela
anemos
 
Messaggi: 71
Iscritto il: 25/01/2015, 22:36


Torna a Personale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 5 ospiti

Paolo Gros

Funzionario di un ente comunale. Tra gli ideatori e gestori del blog “Gli enti locali – Paolo Gros, Lucio Guerra e Marco Lombardi on web”.  Scarica CV >

Lucio Guerra

Responsabile Servizi Associati di una Unione Montana di Comuni. Tra i gestori e moderatori del forum “Gli enti locali – Paolo Gros, Lucio Guerra e Marco Lombardi on web”.  Scarica CV >

Marco Sigaudo

Opera nel settore della PA da oltre 15 anni, l’esperienza acquisita è confluita all’interno di Studio Sigaudo s.r.l. tramite la quale è in grado di offrire servizi ad ampio spettro all’Ente.  Scarica CV >