INDENNITA DI FINE MANDATO DEL SINDACO

Re: INDENNITA DI FINE MANDATO DEL SINDACO

Messaggioda gabriele » 02/02/2019, 11:51

raffaelegranitto ha scritto:
Sucricri ha scritto:A RENDICONTO NELLA PARTE VINCOLATA OCCORRE COSTITUIRE IL FONDO INDENNITA DI FINE MANDATO
MA COME SI COSTITUISCE ?
DI COSA DEVO TENER CONTO ?
SI ACCANTONA SOLO L A QUOTA DETERMINATA PER OGNI ANNO?
GRAZIE

Mio post del 26/11/2017
Premesso che l’art. 1 comma 719 della Legge 27/12/2006, n. 296 (legge finanziaria 2007) stabilisce che l’indennità di fine mandato spetta solo nel caso in cui il mandato elettivo abbia avuto una durata superiore a trenta mesi, Secondo il mio modesto avviso l'indennità di fine mandato al sindaco (es compenso € 10.000,00 annuo) va contabilizzato come segue :
1° anno = accantonamento € 0,00
2° anno = accantonamento € 0,00
3° anno = accantonamento 3/12 del compenso annuo
Contabilità finanziaria :
Bilancio di previsione codice U 1.10.01.99.999 Altri Fondi n.a.c. € 2.500,00
Conto Consuntivo Fondi Accantonati € 2.500,00
4° anno = accantonamenti 4/12 del compenso annuo
Bilancio di previsione codice U 1.10.01.99.999 Altri Fondi n.a.c. € 3.333,33
Conto Consuntivo Fondi Accantonati € 3.333,33
5° anno = stanziamento bil prev Intero compenso spettante € 4.166,66
Bilancio di previsione
Entrate : Avanzo accantonato applicato € 3.333,33
Uscite codice U 1.03.02.01.001 Org. Istituzionali - indennità € 4.166,66
Uscite codice U. 1.02.01.01.001 Irap € 354,17
Raffaele Granitto
Mio post del 03/12/2017
Rettifica al mio post del 26.11.2017
Seguito puntuale interpretazione utilizzo quota avanzo accantonato.
Il principio contabile allegato 4/2 al Dlgs 118/2011, relativamente all'utilizzo dell'avanzo accantonato , ammette solo l'applicazione al bilancio di previsione iniziale dell'avanzo presunto derivante da accantonamenti risultanti dall'ultimo rendiconto approvato e non anche degli accantonamenti effettuati nel corso dell'esercizio precedente,
Bilancio di previsione
Entrate : Avanzo accantonato applicato € 2.500,00 (da consuntivo approvato)
Uscite codice U 1.03.02.01.001 Org. Istituzionali - indennità € 4.166,66
Uscite codice U. 1.02.01.01.001 Irap € 354,17
Variazione al bilancio di previsione applicazione avanzo € 833,33 (da consuntivo approvato)
Raffaele Granitto


Anche nel nostro Comune, come molti, a maggio ci sono le elezioni. Stavo cercando di capire come comportarmi per quanto riguarda il pagamento del TFM al sindaco. In effetti il principio dice così, ma questo significa che nel bilancio di previsione 2019 che dobbiamo approvare posso già iscrivere in entrata l'avanzo ACCANTONATO risultante dal rendiconto 2017? Oppure devo attendere l'approvazione del rendiconto 2018 e poi fare la variazione di bilancio applicando l'avanzo? In effetti la quota accantonata finora arriva al 2017 compreso e mancherebbe l'anno 2018 che si accantona solo con il prossimo rendiconto.
gabriele
 
Messaggi: 132
Iscritto il: 13/01/2015, 12:37

Re: INDENNITA DI FINE MANDATO DEL SINDACO

Messaggioda raffaelegranitto » 03/02/2019, 14:10

gabriele ha scritto:
raffaelegranitto ha scritto:
Sucricri ha scritto:A RENDICONTO NELLA PARTE VINCOLATA OCCORRE COSTITUIRE IL FONDO INDENNITA DI FINE MANDATO
MA COME SI COSTITUISCE ?
DI COSA DEVO TENER CONTO ?
SI ACCANTONA SOLO L A QUOTA DETERMINATA PER OGNI ANNO?
GRAZIE

Mio post del 26/11/2017
Premesso che l’art. 1 comma 719 della Legge 27/12/2006, n. 296 (legge finanziaria 2007) stabilisce che l’indennità di fine mandato spetta solo nel caso in cui il mandato elettivo abbia avuto una durata superiore a trenta mesi, Secondo il mio modesto avviso l'indennità di fine mandato al sindaco (es compenso € 10.000,00 annuo) va contabilizzato come segue :
1° anno = accantonamento € 0,00
2° anno = accantonamento € 0,00
3° anno = accantonamento 3/12 del compenso annuo
Contabilità finanziaria :
Bilancio di previsione codice U 1.10.01.99.999 Altri Fondi n.a.c. € 2.500,00
Conto Consuntivo Fondi Accantonati € 2.500,00
4° anno = accantonamenti 4/12 del compenso annuo
Bilancio di previsione codice U 1.10.01.99.999 Altri Fondi n.a.c. € 3.333,33
Conto Consuntivo Fondi Accantonati € 3.333,33
5° anno = stanziamento bil prev Intero compenso spettante € 4.166,66
Bilancio di previsione
Entrate : Avanzo accantonato applicato € 3.333,33
Uscite codice U 1.03.02.01.001 Org. Istituzionali - indennità € 4.166,66
Uscite codice U. 1.02.01.01.001 Irap € 354,17
Raffaele Granitto
Mio post del 03/12/2017
Rettifica al mio post del 26.11.2017
Seguito puntuale interpretazione utilizzo quota avanzo accantonato.
Il principio contabile allegato 4/2 al Dlgs 118/2011, relativamente all'utilizzo dell'avanzo accantonato , ammette solo l'applicazione al bilancio di previsione iniziale dell'avanzo presunto derivante da accantonamenti risultanti dall'ultimo rendiconto approvato e non anche degli accantonamenti effettuati nel corso dell'esercizio precedente,
Bilancio di previsione
Entrate : Avanzo accantonato applicato € 2.500,00 (da consuntivo approvato)
Uscite codice U 1.03.02.01.001 Org. Istituzionali - indennità € 4.166,66
Uscite codice U. 1.02.01.01.001 Irap € 354,17
Variazione al bilancio di previsione applicazione avanzo € 833,33 (da consuntivo approvato)
Raffaele Granitto

Anche nel nostro Comune, come molti, a maggio ci sono le elezioni. Stavo cercando di capire come comportarmi per quanto riguarda il pagamento del TFM al sindaco. In effetti il principio dice così, ma questo significa che nel bilancio di previsione 2019 che dobbiamo approvare posso già iscrivere in entrata l'avanzo ACCANTONATO risultante dal rendiconto 2017? Oppure devo attendere l'approvazione del rendiconto 2018 e poi fare la variazione di bilancio applicando l'avanzo? In effetti la quota accantonata finora arriva al 2017 compreso e mancherebbe l'anno 2018 che si accantona solo con il prossimo rendiconto.

Come disposto dall’art. 186 del TUEL, il risultato contabile di amministrazione è accertato con l’approvazione del rendiconto da parte del Consiglio comunale. Prima di tale approvazione, il risultato contabile di amministrazione deve essere considerato presunto. L'applicazione dell'avanzo di amministrazione presunto in esercizio provvisorio delle quote vincolate/accantonate - art. 175, comma 5-bis, lettera a), del TUEL, paragrafi 8.11 e 9.2 del principio contabile applicato concernente la contabilità finanziaria - è consentita con deliberazione di Giunta comunale, dopo aver acquisito il parere dell’organo di revisione, sulla base di una relazione documentata del dirigente/funzionario competente, esclusivamente per garantire la prosecuzione o l’avvio di attività soggette a termini o scadenza, la cui mancata attuazione determinerebbe danno per l’ente. L’applicazione è consentita solamente dopo l’approvazione da parte della Giunta stessa del prospetto aggiornato della composizione del risultato contabile di amministrazione presunto di cui all’art. 11, comma 3, lettera a), del D.Lgs. n. 118/2011. Questa variazione va comunicata al Consiglio comunale con le modalità indicate dal regolamento di contabilità (art. 175, comma 5-ter, del TUEL).
Raffaele Granitto
raffaelegranitto
 
Messaggi: 476
Iscritto il: 10/01/2015, 22:11

Re: INDENNITA DI FINE MANDATO DEL SINDACO

Messaggioda gabriele » 04/02/2019, 11:49

Anche nel nostro Comune, come molti, a maggio ci sono le elezioni. Stavo cercando di capire come comportarmi per quanto riguarda il pagamento del TFM al sindaco. In effetti il principio dice così, ma questo significa che nel bilancio di previsione 2019 che dobbiamo approvare posso già iscrivere in entrata l'avanzo ACCANTONATO risultante dal rendiconto 2017? Oppure devo attendere l'approvazione del rendiconto 2018 e poi fare la variazione di bilancio applicando l'avanzo? In effetti la quota accantonata finora arriva al 2017 compreso e mancherebbe l'anno 2018 che si accantona solo con il prossimo rendiconto.[/quote]
Come disposto dall’art. 186 del TUEL, il risultato contabile di amministrazione è accertato con l’approvazione del rendiconto da parte del Consiglio comunale. Prima di tale approvazione, il risultato contabile di amministrazione deve essere considerato presunto. L'applicazione dell'avanzo di amministrazione presunto in esercizio provvisorio delle quote vincolate/accantonate - art. 175, comma 5-bis, lettera a), del TUEL, paragrafi 8.11 e 9.2 del principio contabile applicato concernente la contabilità finanziaria - è consentita con deliberazione di Giunta comunale, dopo aver acquisito il parere dell’organo di revisione, sulla base di una relazione documentata del dirigente/funzionario competente, esclusivamente per garantire la prosecuzione o l’avvio di attività soggette a termini o scadenza, la cui mancata attuazione determinerebbe danno per l’ente. L’applicazione è consentita solamente dopo l’approvazione da parte della Giunta stessa del prospetto aggiornato della composizione del risultato contabile di amministrazione presunto di cui all’art. 11, comma 3, lettera a), del D.Lgs. n. 118/2011. Questa variazione va comunicata al Consiglio comunale con le modalità indicate dal regolamento di contabilità (art. 175, comma 5-ter, del TUEL).
Raffaele Granitto[/quote]

Grazie.
Insomma direi che la via più semplice sia quella di aspettare il rendiconto 2018, applicare poi l'avanzo accantonato e successivamente pagare il tfm.
gabriele
 
Messaggi: 132
Iscritto il: 13/01/2015, 12:37

Re: INDENNITA DI FINE MANDATO DEL SINDACO

Messaggioda SOLVECOAGULA » 04/02/2019, 17:05

ullifa ha scritto:Raffaele Granitto è stato esaustivo ma io con tutti sti codici mi sono perso.

io faccio cosi.esempio
Anno elezioni. indennità per 13 mesi 1.300. stanzio 1.300. impegno 1.200,00, 100 avanzo vincolato
Anno elezioni +1 indennità per 13 mesi 1.300. stanzio 1.300. impegno 1.200,00 100 avanzo vincolato che diviene pertanto 200 (100 + 100 )

a seguire.

anno fine mandato. applico avanzo vincolato per i 500.(non si fa ne a residui ne fpv)


Va bene, ma mi permetto di integrare, anche se poi dipende dai software cosa consentono e come vengono gestiti.

Io - riprendendo il tuo esempio - impegno tutti i 1300 euro. In sede di riaccertamento ordinario, riduco per 100 l'impegno e descrivo la variazione riduttiva come economia confluita in avanzo accantonato.
Per il resto, completamente uguale a quello che fai tu.
Ogni anno del mandato politico, aggiungo la quota spettante per anno.
Ogni anno nella rappresentazione dell'avanzo, esplicito la quota accantonata che cresce di anno in anno.

L'anno della fine del mandato, applicazione e impegno.
Nè residui, nè FPV, confermo.

L'unico problema che mi pongo è se possa essere pagato prima dell'approvazione del rendiconto, trattandosi di avanzo accantonato e non propriamente vincolato, credo.
Nell'ignoranza, uno, spero che finisca il mandato politico dopo o nei dintorni dell'approvazione del rendiconto. Due, chiedo al Sindaco di attendere qualche mese :D .
SOLVECOAGULA
 
Messaggi: 261
Iscritto il: 11/02/2016, 12:17

Precedente

Torna a Finanziario

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 11 ospiti

Paolo Gros

Funzionario di un ente comunale. Tra gli ideatori e gestori del blog “Gli enti locali – Paolo Gros, Lucio Guerra e Marco Lombardi on web”.  Scarica CV >

Lucio Guerra

Responsabile Servizi Associati di una Unione Montana di Comuni. Tra i gestori e moderatori del forum “Gli enti locali – Paolo Gros, Lucio Guerra e Marco Lombardi on web”.  Scarica CV >

Marco Sigaudo

Opera nel settore della PA da oltre 15 anni, l’esperienza acquisita è confluita all’interno di Studio Sigaudo s.r.l. tramite la quale è in grado di offrire servizi ad ampio spettro all’Ente.  Scarica CV >